Home page
Chi siamo
Artisti
Glossario
Donazioni Pubblicita Contatti  
 
 
[ Tecniche pittoriche ]
 
 
A
ACQUERELLO
L'acquerello e' una tecnica pittorica che prevede l'uso di pigmenti finemente tritati e mescolati con un legante, diluiti in acqua. L'acquarello e' una tecnica popolare per la sua rapidita' e per la trasportabilita' facile dei materiali, che lo hanno reso la tecnica per eccellenza di chi dipinge viaggiando e all'aria aperta. Il supporto piu' usato per questa tecnica e' la carta
 
ACTION PAINTING
L'action painting (letteralmente pittura d'azione) a volte chiamata astrazione gestuale oppure espressionismo astratto, e' uno stile di pittura nella quale il colore viene fatto sgocciolare spontaneamente, lanciato o macchiato sulle tele, invece che applicato con attenzione. L'opera che ne risulta enfatizza l'atto fisico della pittura stessa.
 
AEROGRAFIA
L'aerografia e' un'arte sviluppatasi alla fine del 1800 ma che in realta' ha radici molto piu' profonde; infatti gia' nell'antichita', grazie a delle cannucce, si usava spruzzare il colore sugli oggetti. Lo strumento utilizzato dagli aerografisti e' l'aerografo, piccola penna che collegata ad un piccolo compressore d'aria permette di eseguire tracce di colore molto nebulizzato e preciso. I colori da usare possono essere diversi e dipendono dai relativi supporti da usare. Possono essere a base d'acqua o di solvente e i supporti possono essere i piu' diversi: metalli, plastiche, carte e legnami. Particolarmente adatto negli anni 80 per eseguire lavori di alta precisione nelle illustrazioni pubblicitarie, l'aerografo viene oggi usato soprattutto per le decorazioni di supporti plastici e metalli: caschi per moto personalizzati, auto o moto decorate ecc.
 
AEROPITTURA
L'aeropittura e' una declinazione pittorica del futurismo che si afferma negli anni successivi alla prima guerra mondiale. Espressione del mito della macchina e della modernita' caratteristico del movimento marinettiano, l'aeropittura manifesta l'entusiasmo per il volo, il dinamismo e la velocita' aeree.
 
AFFRESCO
L'affresco e' una pittura eseguita sull'intonaco, appunto ancora fresco, di una parete: il colore ne e' chimicamente incorporato e conservato per un tempo illimitato.
 
ARRICCIO
L'arriccio e' il secondo dei tre successivi strati fondamentali (a loro volta possibilmente stesi in piu' mani consecutive) della tecnica storica per l'affresco o per la finitura di mura grezze. Si tratta di una malta, piuttosto irregolare e granulosa, fatta di calce e sabbia non ben setacciata, ed ha due scopi: far si che l'intonaco si aggrappi grazie alla sua consistenza granulosa, ed essere una buona riserva di umidita' per lo strato sovrastante.
 
ASSEMBLAGE
L'assemblage e' una tecnica artistica in cui una composizione tridimensionale viene prodotta mettendo insieme degli oggetti. Simile al collage, si differenzia per la tridimensionalita'.
 
B
BONFRESCO (da definire).
 
C
CARBONCINO
Il carbocino e' un materiale molto tenero che si prepara carbonizzando pezzi di legno e, per questo, e' la tecnica artistica piu' antica che si conosca.
 
CARTONE D'ARAZZO
Il cartone d'arazzo e' il modello in misura reale che si utilizza per la realizzazione di un arazzo. Viene preparato da un'artista cartonnier, sovente e' un pittore, anche di grande notorieta'. Nella preparazione del cartone l'artista non e' completamente libero di esprimersi ma deve tenere conto di molti fattori: del contesto (la dimensione del filato usato che determina la grana), del materiale, dell'imborso (il ritiro quando il pezzo viene tolto dal telaio che e' maggiore per l'ordito che per la trama) e soprattutto delle caratteristiche tecniche della tessitura.
 
CARTONE PREPARATORIO
Un cartone preparatorio e' uno strumento utilizzato, soprattutto a partire dal Rinascimento, per eseguire affreschi. Esso consiste in un disegno eseguito su carta pesante adatto ad essere riportato sulla parete da affrescare, per lo piu' mediante spolvero. Per riportare il disegno sulla parete, si eseguivano dei fori lungo i contorni in modo che, spolverandoli con polvere di carbone le linee punteggiate comparissero sulla parete. Questa dello spolvero e' una tecnica successiva a quella della sinopia.
 
CERCHIO CROMATICO
Il cerchio cromatico e' un dispositivo messo a punto dal francese Michel Euge'ne Chevreul per rendere possibile la classificazione delle sfumature di colore delle tinture in uso presso la manifattura dei Gobelins.
 
CHIAROSCURO
Il chiaroscuro e' un effetto artistico di luce che consiste nel dare risalto alle immagini, tramite l'utilizzo di colori chiari e scuri e con la tecnica dei riflessi. Questa tecnica viene utilizzata soprattutto per non rendere le immagini troppo scure o troppo chiare. Artisti che applicarono questa tecnica furono: il Correggio, il Caravaggio, Vela'zquez e Rembrandt.
 
CLOISONNISME
Il cloisonnisme (compartimentismo, divisione in compartimenti) e' una tecnica pittorica che consiste nel racchiudere le campiture cromatiche entro il limite netto di un contorno senza effetti chiaroscurali creando in questo modo dei blocchi compatti di colore.
 
COLLAGE
Il termine Collage (dal francese) indica la tecnica utilizzata per la realizzazione di opere di ogni livello (scolastico, ludico, artigianale, arte povera, artistico, etc.) prodotte per mezzo di sovrapposizione di carte, fotografie, oggetti, ritagli di giornale o di rivista.
 
COLORE A TEMPERA
Con il nome generico di colore a tempera vengono indicate tutte le tecniche dove, come legante dei pigmenti, non vengono utilizzati olii, ma altre sostanze, quali l'uovo, la cera, il latte e la colla.
 
CORPSE PAINT
Il Corpse Paint (in italiano Trucco Cadaverico) e' uno stile di trucco bianco e nero utilizzato specialmente da gruppi black metal durante i loro concerti e durante i servizi fotografici (in casi estremamente rari anche nella vita reale). Il messaggio dell'utilizzo di questo genere di trucco e' la cattiveria, cioe' il "secondo lato nascosto dell'uomo".
 
CRAQUELE'
Il craquele' e' il metodo con il quale si denominano l'aspetto "antico" di mobili e oggetti, la cui verniciatura risulta appunto "craquele'" cioe' "screpolata" dall'invecchiamento, e la tecnica per ottenerlo artificialmente.
 
D
DRIPPING
Il dripping e' una tecnica pittorica caratteristica dell'Action Painting americana. Elaborato nella sua forma piu' tipica alla fine degli anni quaranta da Jackson Pollock, il dripping trae liberamente spunto dalla cosiddetta "scrittura automatica" surrealista: il colore (non olio, ma smalto opaco o vernici industriali usate per la prima volta proprio da Pollock intorno al 1947) viene lasciato sgocciolare sulla tela distesa per terra da un contenitore bucherellato o schizzato direttamente con le mani mediante l'uso di bastoni o pennelli. Piu' tardi, tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, il dripping verra' largamente impiegato nell'ambito di tutti i movimenti europei di stile informale.
 
DE'COLLAGE
Il de'collage e' una tecnica artistica che consiste nel procedimento opposto al collage. Invece di aggiungere degli elementi all'opera, si parte da un oggetto artistico dal quale vengono staccate delle parti. Tra i primi sperimentatori di questa tecnica furono Mimmo Rotella, Raymond Hains, Jacques Villegle'. Vi sono pero' opinioni discordanti su chi sia stato realmente il primo ad utilizzarla. Il dualismo verte tra i due capisaldi di tale sperimentazione "neo Dada", Rotella e Hains. Comunque pare che sia stato Rotella (senza fonte) il primo ad esporre, a Roma, nel 1955, il cosiddetto manifesto lacerato.
 
E
ENCAUSTO
L'encausto (o incausto) e' un'antica tecnica pittorica applicata su muro, marmo, legno, terracotta, avorio. I pigmenti vengono mescolati a cera (che ha funzione di legante), mantenuti liquidi dentro un braciere e stesi sul supporto con un pennello o una spatola e poi fissati a caldo con arnesi di metallo chiamati cauteri o cestri: e' questo il procedimento che differenzia l'encausto dalla pittura a cera.
 
F
FROTTAGE
Il frottage e' una tecnica di disegno e pittura basata sul principio dello sfregamento.
 
G
GRISAILLE
Il grisaille era una particolare pittura che si eseguiva sul lato interno delle vetrate per aggiungere alcuni effetti pittorici, altrimenti impossibili a causa dell'uniformita' cromatica dei vetri. Questa tecnica prevede l'uso di un amalgama ottenuto da polvere di vetro pestato unito ad alcuni minerali quali ossido di ferro o rame, mescolati con un liquido (inizialmente vino); in base al minerale usato la grisaille assumeva una diversa tonalita' verde, bruna o nera. Con questa tecnica venivano dipinti i chiaroscuri sulle figure, disegnati i tratti dei volti, le pieghe delle vesti e altri particolari. Si usava anche nelle zone di attaccatura del piombo per attenuare i contrasti fra il colore del metallo e quello del vetro. Dopo aver steso la grisaille, il pittore procedeva con graffi ed asportazioni per regolarne l'effetto, fissando in seguito la pittura sottoponendo le lastre ad un ulteriore cottura, ottenendo la vetrificazione della polvere di vetro.
 
GUAZZO
Il guazzo o gouache e' un tipo di colore a tempera reso piu' pesante ed opaco con l'aggiunta di un pigmento bianco (per esempio biacca o gesso) in una miscela con la gomma arabica. Il risultato e' un colore piu' opaco che il normale colore a tempera.
 
I
IMPRIMITURA
L'imprimitura e' la preparazione del supporto pittorico, consiste nel primo strato di materia che viene applicato al fondo grezzo, sia esso tela, tavola, carta o altro, prima di dipingervi. Tale preparazione ha una grande importanza, essa puo' determinare la resistenza, la durata e la resa pittorica del dipinto. Non va confusa con quello che, nel linguaggio pittorico, viene definito abbozzo o preparazione di un quadro (che e' una fase dell'esecuzione del dipinto e non della finitura del supporto). L'imprimitura si presenta come uno strato uniforme che ha la duplice funzione di isolare il supporto dalla pittura vera e propria e di regolare la saturazione dei leganti (ad esempio l'olio).
 
L
LAVATURA D'INCHIOSTRO
La lavatura d'inchiostro, o semplicemente lavatura (lavature in inglese), e' una tecnica di pittura secondaria, che consiste nell'usare inchiostri molto diluiti per creare ombre o altri effetti. Questa tecnica e' impiegata soprattutto nei wargames che richiedono la pittura dei modelli come Warhammer, Warhammer 40.000 o Il Signore degli Anelli. La lavatura e' molto usata dai modellisti piu' esperti, in particolare per le miniature destinate a contest grafici, a causa della sua difficolta' quando mirata ad ottenere effetti precisi su determinate aree.
 
LUMEGGIATURA
La lumeggiatura e' una tecnica primaria di pittura e disegno.
 
M
MONOCROMO
(da definire).
 
MURALES
Un murale (in spagnolo mural, plurale murales) e' un dipinto realizzato su una parete, un soffitto o altra larga superficie permanente in muratura. Il termine indica anche il genere di pittura, ed e' divenuto celebre per il movimento artistico messicano noto come "muralismo". La pittura murale puo' essere realizzata con varie tecniche, come l'affresco, realizzato dipingendo con pigmenti stemperati in acqua su intonaco fresco.
 
O
OCRA ROSSA
L'ocra rossa e' un pigmento naturale di uso assai diffuso derivato da un minerale ferroso chiamato ematite naturale. La formula chimica e': Fe2O3 - nH2O. L'etimologia rimanda alla parola greca sangue, data l'evidente colorazione rossa. Se l'ematite si presenta nera o grigio ferro, la polvere ricavata per il pigmento e', infatti, rosso bruna. Anticamente conosciuta come Ochra o Rubrica, ha diversi sinonimi tra cui i piu' diffusi sono Morellone, Terra Rossa di Spagna, Rosso di Prussia, Rosso di Norimberga, Majolica, Sanguigna, Terra Rossa di Venezia. Il nome varia anche in funzione della resa del pigmento, strettamente correlata alla presenza o meno di impurita'. Puo' essere ottenuta anche artificialmente per calcinazione dell'ocra gialla, e viene talvolta alterata con le aniline.
 
OLEOGRAFIA
L'oleografia e' un procedimento seriale di stampa artistica in tricromia e quadricromia, diffuso specialmente nella seconda meta' dell'800, che consiste nello spalmare su una pietra granita colori grassi che vengono in seguito impressi su fogli di carta o su fogli telati ad imitazione di un'opera unica dipinta ad olio. Su tali supporti si imprime a secco anche una trama, in modo da accentuarne il carattere imitativo.
 
P
PANNEGGIO BAGNATO
Il panneggio bagnato e' una tecnica scultorea ideata da Fidia intorno al VI secolo a.C..
 
PENNELLO ASCIUTTO
Il Pennello asciutto (Dry brush in inglese) e' una tecnica di pittura secondaria, che consiste nell'applicare il colore solo alle superfici in rilievo rispetto ad altre, usata in particolare modo nel settore modellistico. Si tratta di usare un pennello quasi privo di colore per stendere lo stesso con particolari effetti, molto apprezzati nel modellismo e della realizzazione di diorami in miniatura. Puo' essere definito come l'opposto della lavatura.
 
PINSTRIPING
(da definire).
 
PITTURA A TEMPERA
La Pittura a tempera e' una tecnica pittorica che utilizza pigmenti in polvere mescolati con vari leganti tra cui tuorlo d'uovo ed acqua distillata. Non va confusa con la tecnica a guazzo. I supporti sono preferibilmente cartoni compressi o tavole di legno stagionato opportunamente preparate con un imprimitura ottenuta con polvere di gesso di Meudon e colla. La preparazione assai accurata impegna sia la parte frontale che la parte posteriore, onde evitare deformazioni ed impanciature a causa della differente capacita' di assorbimento dell'umidita' delle due facce. Un supporto compatto come la muratura ben intonacata e rasata e' da secoli un valido supporto per il colore a tempera. Pur non presentando la stabilita' e la profondita' di materiale colorato dell'affresco, ha il vantaggio, contrariamente ai colori ad olio, della stabilita' delle tinte che resteranno sempre uguali a se' stesse variando solamente in maniera impercettibile dal momento della stesura alla piena asciugatura.
 
PITTURA ACRILICA
La pittura acrilica e' una tecnica pittorica nata in epoca relativamente recente. I colori sono prodotti con polveri colorate (pigmenti) mischiate con una resina acrilica (quasi esclusivamente di origine chetonica) di essiccazione variabile, generalmente veloce, a seconda delle resine, dei pigmenti e della fabbrica produttrice. I supporti possono essere i piu' disparati, dai fogli da disegno (tipo Bristol), al cartone, alla tela, al cartone telato, ai supporti di legno (anche compensato). Vengono usati, oltre che per l'esecuzione di dipinti, per la decorazione muraria e quella degli oggetti piu' disparati, la loro buona resistenza unita alla relativa economicita' e veloce asciugatura ne fanno un prodotto di largo uso. Caratteristiche della pittura acrilica e' la rapidissima asciugatura, facile stesura e la traslucidita' una volta sciutti. Il difetto degli acrilici e' quello di non permettere la tecnica della sfumatura, come viene utilizzata nell'olio. Infatti, la sfumatura con gli acrilici avviene a tratti, a gradini permettendo il passaggio da un tono all'altro. I colori acrilici sono tranquillamente mescolabili fra loro e come diluente e' preferibile semplice acqua, utilizzabile anche per cancellare, prima dell'asciugatura, parti di colore. Alcuni tipi di colori acrilici sono sensibili alla luce che li fa schiarire, tipo i colori rosso-violacei e blu-violacei, perche' creati con pigmenti derivati da composti chimici organici fotosensibili, a questo fenomeno si ovvia con una lacca di resina acrilica con filtro UV che protegge tali colori. Per gli altri colori non c'e' bisogno di fissativo perche' la resina acriclica che li compone li fa resistere alla luce e agli agenti atmosferici, smog compreso.
 
PITTURA AD OLIO
La pittura ad olio e' una tecnica pittorica che utilizza pigmenti in polvere mescolati con delle basi inerti ed oli. Le sue origini non si conoscono: ne parlavano gia' Galeno, Vitruvio e Plinio il Vecchio. Il Diversarum Artium Schedula di Teofilo e' il piu' antico ricettario di tecniche pittoriche: tra le altre, riporta anche quella della pittura a olio. Questo contraddice la "leggenda", riportata anche dal Vasari nelle sue Vite, che vuole Jan Van Eyck inventore dei colori ad olio: e' certo, invece, che i pittori Fiamminghi del XV secolo perfezionarono questa nuova e prodigiosa maniera di colorire.
 
PITTURA DI TOCCO
(da definire).
 
PRESSBROKAT
Il pressbrokat e' una tecnica di decorazione pittorica utilizzata nella realizzazione dei dipinti su tavola e delle sculture lignee policrome tra il XV ed il XVI secolo. Tale decorazione era realizzata ad imitazione tessuto broccato o damasco, entrambi tessuti operati, utilizzati in quel periodo come ricca tappezzeria per le spoglie pareti delle abitazioni o per vestiti e mantelli dei personaggi piu' facoltosi del tempo. La tecnica arriva a noi grazie alle opere lasciate dagli artisti e artigiani di area germanica, e si ritrova anche in tutte quelle aree influenzate da quella cultura, portata da alcuni artisti di chiara fama del tempo.
 
S
SFUMATO
Lo sfumato e' una tecnica pittorica che permette, attraverso un'attenta gradazione dei valori tonali (colori), di ottenere realistici effetti plastici. Leonardo in particolar modo dimostra una piena padronanza di tale tecnica, che gli permette di realizzare una convincente illusione di profondita' nel paesaggio (prospettiva aerea).
 
SINOPIA
La sinopia e' la fase dell'affresco consistente nel disegnare con della terra rossa (in origine proveniente da Sinope, sul Mar Nero) un abbozzo preparatorio per l'affresco eseguito subito dopo l'arriccio. Una volta completata questa fase, il disegno viene progressivamente ricoperto con l'ultimo strato di intonaco. Della sinopia si e' fatto largo uso fino ai primi anni del Cinquecento, quando e' stata gradualmente sostituita dal graffito (segni ottenuti premendo sul contorno del disegno preparatorio) e dello spolvero (disegni eseguiti su cartoni poi forati lungo i contorni e spolverati con polvere di carbone in modo da far apparire linee punteggiate sulla parete).
 
SMALTATURA AD AEROGRAFO
Per smaltatura ad aerografo su supporto ceramico si intende nello specifico l'applicazione di uno smalto, colore, ingobbio, cristallina, polveri metalliche allo stato semiliquido, attraverso un dispostivo detto appunto aerografo. L'aerografo per uso manuale e' composto principalmente da un corpo in lega di alluminio o acciaio, costituito da tanica o contenitore per il liquido, ugello, spillo, regolazone aria, regolazione getto, regolazione quantita' liquido in rapporto alla pressione dell'aria. Si impiega un compressore per la produzione di aria compressa, attraverso il manometro e' necessario regolare la quantita' d'aria da immettere nell'aerografo a pistola. Il prodotto allo stato liquido da applicare sul biscotto deve seguire una giusta proporzione acqua-polvere, esempio: per cristalline; gr.300 polvere e gr.600 acqua.
 
SPOLVERO
Lo spolvero e' una tecnica che permette di riportare un disegno su varie superfici. Nello "spolvero" si disegna dapprima a grandezza naturale la rappresentazione su un cartone preparatorio, con un ago si perforano fittamente i contorni del disegno che viene appoggiato alla superficie da disegnare e con carboncino, grafite o sanguigna si tamponano le parti perforate. Tolto il cartone, se la traccia risulta insufficientemente dettagliata si provvede al congiungimento dei vari punti e al completamento del disegno. Se per il ricalco si utilizza un foglio trasparente o un lucido la riproduzione di un'immagine risulta abbastanza precisa. Tecnica antica, usata nella decorazione muraria e dai grandi artisti rinascimentali per evitare dei ripensamenti sull'affresco. Era applicata in molti campi, anche per la decorazione della ceramica e della porcellana per la produzione in serie o per facilitare chi non sa disegnare. I disegni dei cartoni d'arazzo, debitamente ricalcati, venivano riportati sui fili d'ordito di un telaio ad alto liccio in questo modo. Oggi con l'introduzione delle carte da ricalco e le novita' tecnologiche come diapositive, riproduzioni fotografiche o fotostatiche, l'uso di questa tecnica e' in calo.
 
STENCIL
Lo stencil e' una maschera che permette di riprodurre le stesse forme, simboli o lettere in serie.
 
SUMI-E
Con i termini giapponesi sumi-e e suibokuga , oppure con la parola cinese shuimohua , si indica uno stile pittorico monocromatico dell'Estremo Oriente che utilizza solo inchiostro nero, il sumi, in varie concentrazioni. Questa tecnica nacque in Cina durante la dinastia Tang (618-907), consolidandosi con la dinastia Song (960-1279). Fu introdotta in Giappone a meta' del XIV secolo da alcuni monaci buddisti Zen, crescendo in popolarita' fino al suo periodo di massimo splendore, nell'era Muromachi (1338-1573).
 
T
TONALISMO
Il tonalismo, detto anche pittura tonale e' una tecnica artistica frutto di una complessa rielaborazione della tradizione veneta del colore. Il senso della prospettiva e' dato dalla modulazione dei toni e non da precise regole geometriche-matematiche, come facevano invece i pittori precedenti. Ora con Giorgione e Tiziano la prospettiva e' suggerita dal colore e dalla scala di sfumature che danno il senso della profondita'.
 
TRENCADI'S
Il Trencadi's e' una tecnica decorativa che consiste nella applicazione di frammenti di ceramica o pezzi di vetro tagliati in modo irregolare per ricoprire una superficie.
 
V
VELATURA
In pittura si intende con velatura uno strato di colore che venga applicato sopra un altro gia' asciutto e che sia tanto sottile da lasciare trasparire il tono sottostante. Con questa tecnica, che funziona con il principio dell'acquarello, il pittore conduce l'opera o ne realizza una parte giocando con le trasparenze. Ad esempio, con una velatura scura si puo' abbassare il tono di un'intera parte di un'opera senza percio' perdere il disegno, i toni ed i colori sottostanti. Altro vantaggio della velatura a' che, per una serie di principi ottico-fisici, il colore dato con tale tecnica risulta sempre piu' brillante di uno stesso dato a corpo. Ad es. un rosa creato da un impasto di rosso e bianco sara' sempre meno brillante di un rosa ottenuto da un rosso dato a velatura. Nell'antichita' la tecnica della velatura era diffusissima e molte opere del passato, come quelle di scuola fiamminga e fiorentina a cavallo tra XV e XVI secolo, furono dipinte con una tecnica che prevedeva, dopo la preparazione del disegno, un'esecuzione a sole velature.
 
 
artePoint Galleria on-line di opere d'arte
Per informazioni: info@artepoint.it